RISPARMIO ENERGETICO E QUALITÀ DELL’ARIA

CAMBIARE ARIA CAMBIA TUTTO

Tutti noi trascorriamo circa il 95% della nostra vita all’interno di ambienti chiusi: dalla scuola all’università, dagli ospedali agli uffici, dal cinema al ristorante. Un sano microclima abitativo insieme ad un confort termico è perciò fondamentale per il nostro benessere. Un insufficiente apporto di aria fresca e una scarsa qualità dell’aria costituiscono inoltre seri fattori di rischio correlati al rendimento intellettivo e alla salute.
Per la salubrità degli ambienti chiusi, il corretto ricambio d’aria ha un ruolo chiave, anche in considerazione del fatto che nelle abitazioni sono stati introdotti molti nuovi materiali che rilasciano esalazioni pericolose e dannose. Aprire le finestre non garantisce un tasso di ricambio dell’aria e genera una perdita di calore con conseguenze per il consumo energetico.

IL RISPARMIO ENERGETICO CAMBIA ARIA

La qualità dell’aria indoor conta come la necessità di ridurre il conto energetico. In Italia come in Europa, circa il 40% del consumo energetico è destinato ad alimentare gli edifici in cui viviamo, di cui il 57% è dedicato al riscaldamento ed in percentuale ancora maggiore se consideriamo anche la climatizzazione.
Una percentuale davvero alta, considerando che buona parte di questa energia viene sprecata. Recuperare quindi l’energia dispersa all’interno degli (o forse più semplicemente dagli) edifici non solo consente un notevole risparmio in bolletta, ma permette il ricambio e il filtraggio dell’aria, migliorandone la qualità.

LE CASE SONO SEMPRE PIÙ ERMETICHE

Con serramenti dal basso coefficiente di isolamento termico si può avere un ricambio d’aria relativamente alto ma totalmente fuori controllo, con la conseguenza che in condizioni di giornate ventose i sistemi di riscaldamento e di climatizzazione operano in condizioni critiche e il consumo di energia aumenta sensibilmente.
Quindi se non è previsto un sistema di ventilazione meccanica controllata non è possibile garantire il tasso di ricambio dell’aria dovuto alla permeabilità dei serramenti.
La situazione opposta accade quando i serramenti offrono un buon livello di isolamento termico con spifferi d’aria nulli o ridotti al minimo, poiché a causa dello scarso ricambio d’aria l’ambiente diventa completamente insalubre (non è garantendo anche in questo caso il necessario ricambio).

DI QUANTA ARIA FRESCA ABBIAMO BISOGNO?

Affinché una persona si senta a proprio agio in un ambiente chiuso si valuta che abbia bisogno in media di 30 m³ d’aria per ogni ora.
Per gli edifici residenziali sono fissati 0,5 volumi/ora di ricambio per motivi igienici: questo significa che tutto il volume d’aria presente nell’edificio va ricambiato ogni due ore.

LE NOSTRE SOLUZIONI: 

Thesan Aircare AF , ex Airfilter, oggi disponibile con le specifiche che sono in vs possesso, si monta sulla finestra di ogni locale dove si voglia realizzare una ventilazione controllata

Thesan Aircare ES, è un Airfilter con un recuperatore di calore, con una buona efficienza, intorno al 60%, si monta sulla finestra di ogni locale dove si voglia realizzare una ventilazione controllata

Thesan Aircare ES+, ex Airchanger, si monta  a parete e recupera oltre il 90% del calore dell’aria espulsa, utilizzato per preriscaldare o preraffreddare in estate l’aria in ingresso

Thesan Aircare AF Tube , è un Aircare AF, ma si monta all’interno della parete, con un foro di 10 cm di diametro, e ventila e filtra l’aria esterna senza recupero di calore.

 

Altri Aircare seguiranno, ma è prematuro parlarne, quindi

 

Thesan Aircare AF  e Thesan Aircare ES, si montano a finestra e vanno negli edifici nuovi o in ristrutturazione con sostituzione del vecchio serramento

Thesan Aircare ES e Thesan Aircare AF Tube, si montano a parete e vanno nelle ristrutturazioni senza sostituzione di serramenti o in case esistenti

 

Tenete presente che qualunque sistema di ventilazione meccanica controllata porta, sia che abbia o non abbia un recuperatore di calore, ad un risparmio energetico, dell’ordine del 50% rispetto alla apertura manuale delle finestre, con in più, nel caso dei nostri prodotti, il vantaggio di una filtrazione dell’aria esterna.

  

Aircare AF si venderà , come da listino in tre versioni :

 

lunghezza 1000 mm

lunghezza 1500 mm

lunghezza 2000 mm

 

e in due varianti base di colore

RAL 9010

RAL 7064

 

Consegnato in tre imballi distinti :

.- plastiche (estruso corpo, estruso copertura, griglie, supporti, tappi, corpo interno, flaps, etc)

.- gruppo motore ( motore, ventilatore, scheda, trasformatore) e telecomando (disponibile come ricambio anche da solo) filtro , disponibile anche come ricambio

 

Sarà cura del serramentista tagliare a misura, montare sul serramento, posare e allacciare elettricamente

 

Optionals sono

La cover esterna in alluminio

Il gruppo portelle motorizzate

 

Tutte le altre informazioni relative al prodotto sono contenute nel listino, nelle brochures e nella presentazione di ogni singolo prodotto nella sezione dedicata.